Elogio delle piccole cose

Che poi non vuol dire accontentarsi di poco. Perché non è poco quello che la quotidianità ci dà.
Questa mattina ho fatto una bella passeggiata per le vie intorno a corso d’Italia. L’aria era pulita, risplendeva di una luce algida, nonostante il sole e il caldo di questi giorni. Poche le persone in giro, molti i negozi chiusi. I turisti, contenti, entravano a Villa Borghese.
Ripensando a tutte le volte che non ho potuto fare questa passeggiata, camminavo, assaporando passo dopo passo l’asfalto, gli alberi, i volti che incrociavo, le vetrine, gli odori. E sorridevo.
E sorrido ora a raccontarlo, perché, amici, ad alcuni di voi sembrerà banale, ma io questa passeggiata me la sono proprio goduta.